Disturbi Alimentari

DISTURBI ALIMENTARI

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) riguardano il rapporto dell’individuo con il cibo.

Oltre agli aspetti psichici, possono provocare serie alterazioni organiche ed endocrine.

La scelta del trattamento dipende da molte variabili (età, tipologia del disturbo, cause…) e può prevedere sia interventi psicoterapeutici, sia farmacologici, sia riabilitativi o rieducativi.

Qualora siano interessate funzioni corporee importanti, è indispensabile associare un’opportuna terapia internistica (nutrizionale, ormonale…).

In alcuni casi è utile un intervento di supporto ai familiari.

Fanno parte dei disturbi alimentari l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa.


ANORESSIA NERVOSA

E’ contraddistinta dal rifiuto del cibo e dalla paura eccessiva di ingrassare.

Spesso è associata ad altri disturbi psichici (disturbi di personalità, depressione, ansia…).

Trae origine da un’alterata percezione corporea, che induce l’individuo a considerarsi eccessivamente sovrappeso e ad adottare quindi ogni strumento atto a dimagrire (uso di lassativi, eccessiva attività fisica…).

E’ caratterizzata da estrema magrezza, paura di ingrassare, estrema preoccupazione per l’aspetto corporeo, sintomi depressivi o ansiosi.

Nelle forme più gravi compare anche sintomatologia fisica (amenorrea, ipotiroidismo, osteoporosi, cefalea cronica, ipoglicemia, bradicardia…).

Il trattamento psichico di base consiste nella psicoterapia, alla quale può essere associata la terapia farmacologica o riabilitativa.

^Torna all’indice


BULIMIA NERVOSA

E’ un disturbo alimentare caratterizzato dall’ingestione di grandi quantità di cibo, seguita spesso da tentativi di non assimilarlo (vomito autoindotto, uso di lassativi…).

Spesso è associata ad altri disturbi psichici (disturbi di personalità, depressione, ansia…).

La sintomatologia ricalca a grandi linee quella dell’anoressia, con l’importante aggiunta delle abbuffate frequenti e ripetute.

Il trattamento psichico di base consiste nella psicoterapia, alla quale può essere associata la terapia farmacologica o riabilitativa.

^Torna all’indice